Conversione in legge del decreto PNRR 2

Pubblicato il: 5 Luglio 2022

Il decreto legge 36/2022, ovvero il secondo decreto legge per velocizzare l’attuazione del PNRR, di cui avevamo dato notizia qui, con il voto favorevole della Camera del 29 giugno 2022, è stato convertito con la legge del 29 giugno 2022 numero 79 (ecco il testo coordinato).

Il testo definitivo – pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 150 del 29 giugno 2022 – prevede modifiche rispetto al testo originario, tra le quali segnaliamo:

– proroga di 6 mesi del Super Sismabonus;

– stop dal 2023, alla pubblicazione dei bandi dei concorsi degli Enti locali sulla gazzetta ufficiale (gli obblighi di pubblicità saranno assolti sui siti istituzionali e sul portale reclutamento inPA);

– proroga di 2 anni (dal 31 dicembre 2022 al 31 dicembre 2024) del termine entro cui possono essere bandite procedure concorsuali di stabilizzazione nelle pubbliche amministrazioni;

– sostituzione degli assegni di ricerca, con contratti di lavoro a tempo determinato;

– introduzione di un’unica figura di ricercatore universitario a tempo determinato (il contratto avrà una durata complessiva, non rinnovabile, di 6 anni);

– revisione delle classi di concorso per l’accesso ai ruoli del personale docente della scuola secondaria di primo e di secondo grado.

Restano confermate le ulteriori misure che riguardano tra l’altro:

– la piattaforma unica di reclutamento (portale inPA.gov.it);

– la riforma delle procedure di assunzione dei dipendenti pubblici;

– la revisione del Regolamento per l’accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni;

– sanzioni per la mancata accettazione dei pagamenti elettronici.

 

#PNRR #transizione #efficienza #riforme

 

 

Articolo a cura di: Emiliano Luca

Condividi

Conversione in legge del decreto PNRR 2

Pubblicato il: 5 Luglio 2022

Il decreto legge 36/2022, ovvero il secondo decreto legge per velocizzare l’attuazione del PNRR, di cui avevamo dato notizia qui, con il voto favorevole della Camera del 29 giugno 2022, è stato convertito con la legge del 29 giugno 2022 numero 79 (ecco il testo coordinato).

Il testo definitivo – pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 150 del 29 giugno 2022 – prevede modifiche rispetto al testo originario, tra le quali segnaliamo:

– proroga di 6 mesi del Super Sismabonus;

– stop dal 2023, alla pubblicazione dei bandi dei concorsi degli Enti locali sulla gazzetta ufficiale (gli obblighi di pubblicità saranno assolti sui siti istituzionali e sul portale reclutamento inPA);

– proroga di 2 anni (dal 31 dicembre 2022 al 31 dicembre 2024) del termine entro cui possono essere bandite procedure concorsuali di stabilizzazione nelle pubbliche amministrazioni;

– sostituzione degli assegni di ricerca, con contratti di lavoro a tempo determinato;

– introduzione di un’unica figura di ricercatore universitario a tempo determinato (il contratto avrà una durata complessiva, non rinnovabile, di 6 anni);

– revisione delle classi di concorso per l’accesso ai ruoli del personale docente della scuola secondaria di primo e di secondo grado.

Restano confermate le ulteriori misure che riguardano tra l’altro:

– la piattaforma unica di reclutamento (portale inPA.gov.it);

– la riforma delle procedure di assunzione dei dipendenti pubblici;

– la revisione del Regolamento per l’accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni;

– sanzioni per la mancata accettazione dei pagamenti elettronici.

 

#PNRR #transizione #efficienza #riforme

 

 

Articolo a cura di: Emiliano Luca