Capacity Italy è on line: l’assistenza tecnica per il PNRR

Pubblicato il: 23 Giugno 2022

La “capacità amministrativa”, già acclamata da più parti quale decisiva nell’avvio del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, si conferma la chiave di volta della progressione di obiettivi, investimenti, spesa ed efficacia delle Missioni del Piano.

Il Governo – attraverso la promozione di Capacity Italy – mette infatti a punto l’ennesimo sforzo per far sì che la piena attuazione del PNRR non sia un obiettivo mancato.

Si tratta di una piattaforma governativa – che attraverso la sua denominazione evoca la capacità progettuale di cui si ha necessità – promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, dal Dipartimento della Funzione Pubblica e dal Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie e realizzata col supporto tecnico operativo degli esperti di Cassa Depositi e Prestiti, Invitalia e Medio Credito Centrale.

Il fine è quello di offrire al personale tecnico e amministrativo di tutti gli enti territoriali e non territoriali impegnati nell’attuazione dei progetti del Piano adeguata assistenza tecnica in tutte le fasi di attuazione dei progetti del PNRR, dalla redazione dei bandi, alla rendicontazione sino al monitoraggio.

Il portale – raggiungibile on line all’indirizzo sportellotecnico.capacityitaly.it – opera su due piani di assistenza, diversificati su un’esigenza standardizzata, soddisfatta attraverso i noti strumenti delle FAQ, delle linee guida e della disponibilità della modulistica.

Su un altro piano, offre uno sportello “cucito su misura”, puntando ad un’assistenza tarata sull’esigenza del personale tecnico e amministrativo degli enti di acquisire risposte a specifici quesiti tecnici, che potranno essere rivolti da remoto agli esperti, dotati di competenze specialistiche, che erogano tale servizio.

L’accesso al portale che avviene tramite SPID, è riservato agli iscritti al sistema ReGIS e, previa registrazione, ai RUP dei Ministeri che verranno progressivamente accreditati (si parte dal Ministero della Salute, e successivamente dai Ministeri delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile, della Cultura e della Transizione ecologica).

Ci si augura così che il cantiere di “dubbi” che verrà aperto possa far nascere buone pratiche ed esempi pratici, che offra adeguata formazione agli operatori e amministratori, così da restituire qualche “certezza” all’attuazione delle misure del PNRR.

#PNRR #assistenzatecnica #entilocali

Articolo a cura di: Giorgia Motta

Condividi

Capacity Italy è on line: l’assistenza tecnica per il PNRR

Pubblicato il: 23 Giugno 2022

La “capacità amministrativa”, già acclamata da più parti quale decisiva nell’avvio del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, si conferma la chiave di volta della progressione di obiettivi, investimenti, spesa ed efficacia delle Missioni del Piano.

Il Governo – attraverso la promozione di Capacity Italy – mette infatti a punto l’ennesimo sforzo per far sì che la piena attuazione del PNRR non sia un obiettivo mancato.

Si tratta di una piattaforma governativa – che attraverso la sua denominazione evoca la capacità progettuale di cui si ha necessità – promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, dal Dipartimento della Funzione Pubblica e dal Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie e realizzata col supporto tecnico operativo degli esperti di Cassa Depositi e Prestiti, Invitalia e Medio Credito Centrale.

Il fine è quello di offrire al personale tecnico e amministrativo di tutti gli enti territoriali e non territoriali impegnati nell’attuazione dei progetti del Piano adeguata assistenza tecnica in tutte le fasi di attuazione dei progetti del PNRR, dalla redazione dei bandi, alla rendicontazione sino al monitoraggio.

Il portale – raggiungibile on line all’indirizzo sportellotecnico.capacityitaly.it – opera su due piani di assistenza, diversificati su un’esigenza standardizzata, soddisfatta attraverso i noti strumenti delle FAQ, delle linee guida e della disponibilità della modulistica.

Su un altro piano, offre uno sportello “cucito su misura”, puntando ad un’assistenza tarata sull’esigenza del personale tecnico e amministrativo degli enti di acquisire risposte a specifici quesiti tecnici, che potranno essere rivolti da remoto agli esperti, dotati di competenze specialistiche, che erogano tale servizio.

L’accesso al portale che avviene tramite SPID, è riservato agli iscritti al sistema ReGIS e, previa registrazione, ai RUP dei Ministeri che verranno progressivamente accreditati (si parte dal Ministero della Salute, e successivamente dai Ministeri delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile, della Cultura e della Transizione ecologica).

Ci si augura così che il cantiere di “dubbi” che verrà aperto possa far nascere buone pratiche ed esempi pratici, che offra adeguata formazione agli operatori e amministratori, così da restituire qualche “certezza” all’attuazione delle misure del PNRR.

#PNRR #assistenzatecnica #entilocali

Articolo a cura di: Giorgia Motta