Codice di comportamento, etica pubblica e galateo social dei dipendenti della PA, secondo il “Decreto PNRR 2”

Pubblicato il: 26 Aprile 2022

Il Consiglio dei Ministri, con comunicato stampa n. 72 del 13 aprile 2022, ha reso nota l’ approvazione di un Decreto Legge, non ancora pubblicato in Gazzetta, che introduce “ulteriori misure urgenti per l’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza” ,  battezzato per brevità come “Decreto PNRR 2”.

Il testo del decreto, secondo le bozze che stanno circolando, ha previsto tra l’altro anche delle misure dedicate alla Pubblica Amministrazione, avendo di mira lo specifico obiettivo di rafforzare la politica di “empowerment” della stessa intrapresa dal Governo.

Nell’ambito di tale intervento, meritano particolare attenzione le previsioni concernenti un tema sempre attuale e di grande importanza : il “codice di comportamento”  e l’ “etica pubblica” dei dipendenti pubblici.

Il decreto modifica profondamente tali aspetti, introducendo tre punti importanti.

In primo luogo viene previsto una sorta di “galateo social”, vale a dire un aggiornamento del Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (D.P.R. 16 aprile 2013 n. 62) richiamato all’art. 54 del Testo Unico sul Pubblico Impiego (D.lgs. 165/2001), che dovrà ora prevedere al suo interno una specifica sezione dedicata al corretto utilizzo delle tecnologie informatiche e dei mezzi di informazione e social media da parte dei dipendenti pubblici, e ciò anche al fine di tutelare l’immagine della pubblica amministrazione.

In secondo luogo viene previsto che, una volta espletate le procedure concorsuali, le Amministrazioni che procedono all’assunzione dei vincitori di concorso debbano prevedere obbligatoriamente lo svolgimento di un ciclo formativo sui temi dell’etica pubblica e sul comportamento etico del dipendente, la cui durata e intensità siano proporzionate al grado di responsabilità e nei limiti delle risorse finanziarie disponibili a legislazione vigente.

Infine viene previsto che l’aggiornamento del codice di comportamento nei termini suddetti, debba avvenire entro la data limite del 31 dicembre 2022.

Dunque il “Decreto PNRR 2”, nell’introdurre tali misure, ha inteso evidentemente attuare il rafforzamento della Pubblica Amministrazione mediante un costante monitoraggio e una specifica attività di formazione delle persone che in essa lavorano, adattando le ormai desuete regole contenute nel codice di comportamento, entrato in vigore quasi 10 anni fa, all’evoluzione tecnologica e digitale.

 

#codicedicomportamento #eticapubblica #socialmedia #pubblicoimpiego #Pnrr2

Articolo a cura di: simonadimarco

Condividi

Codice di comportamento, etica pubblica e galateo social dei dipendenti della PA, secondo il “Decreto PNRR 2”

Pubblicato il: 26 Aprile 2022

Il Consiglio dei Ministri, con comunicato stampa n. 72 del 13 aprile 2022, ha reso nota l’ approvazione di un Decreto Legge, non ancora pubblicato in Gazzetta, che introduce “ulteriori misure urgenti per l’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza” ,  battezzato per brevità come “Decreto PNRR 2”.

Il testo del decreto, secondo le bozze che stanno circolando, ha previsto tra l’altro anche delle misure dedicate alla Pubblica Amministrazione, avendo di mira lo specifico obiettivo di rafforzare la politica di “empowerment” della stessa intrapresa dal Governo.

Nell’ambito di tale intervento, meritano particolare attenzione le previsioni concernenti un tema sempre attuale e di grande importanza : il “codice di comportamento”  e l’ “etica pubblica” dei dipendenti pubblici.

Il decreto modifica profondamente tali aspetti, introducendo tre punti importanti.

In primo luogo viene previsto una sorta di “galateo social”, vale a dire un aggiornamento del Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (D.P.R. 16 aprile 2013 n. 62) richiamato all’art. 54 del Testo Unico sul Pubblico Impiego (D.lgs. 165/2001), che dovrà ora prevedere al suo interno una specifica sezione dedicata al corretto utilizzo delle tecnologie informatiche e dei mezzi di informazione e social media da parte dei dipendenti pubblici, e ciò anche al fine di tutelare l’immagine della pubblica amministrazione.

In secondo luogo viene previsto che, una volta espletate le procedure concorsuali, le Amministrazioni che procedono all’assunzione dei vincitori di concorso debbano prevedere obbligatoriamente lo svolgimento di un ciclo formativo sui temi dell’etica pubblica e sul comportamento etico del dipendente, la cui durata e intensità siano proporzionate al grado di responsabilità e nei limiti delle risorse finanziarie disponibili a legislazione vigente.

Infine viene previsto che l’aggiornamento del codice di comportamento nei termini suddetti, debba avvenire entro la data limite del 31 dicembre 2022.

Dunque il “Decreto PNRR 2”, nell’introdurre tali misure, ha inteso evidentemente attuare il rafforzamento della Pubblica Amministrazione mediante un costante monitoraggio e una specifica attività di formazione delle persone che in essa lavorano, adattando le ormai desuete regole contenute nel codice di comportamento, entrato in vigore quasi 10 anni fa, all’evoluzione tecnologica e digitale.

 

#codicedicomportamento #eticapubblica #socialmedia #pubblicoimpiego #Pnrr2

Articolo a cura di: simonadimarco