La legge elettorale e i sistemi elettorali

Published On: 31 Agosto 2022Categories: Diritti fondamentali della persona, Normativa

La legge elettorale è di fondamentale importanza, dettando le regole con cui i cittadini eleggono i rappresentanti nelle istituzioni.

Si stabiliscono infatti le modalità di svolgimento delle elezioni, i requisiti per la presentazione delle liste dei candidati, le opzioni di scelta disponibili agli elettori, la suddivisione in collegi elettorali dei territori, l’assegnazione dei seggi.

Incide quindi sull’effettiva applicazione dei princìpi democratici, in quanto è in grado di alterare la rappresentatività degli organi collegiali.

Può influenzare la governabilità, favorendo le aggregazioni tra partiti politici e di conseguenza la possibilità che si formi una maggioranza parlamentare coesa (in grado di garantire la stabilità del Governo).

Influisce altresì, sulla rappresentatività degli organi collegiali, soprattutto attraverso la scelta del meccanismo di assegnazione dei seggi – il cosiddetto sistema elettorale – e la definizione delle soglie minime di voti necessari per ottenere tale assegnazione (le cosiddette soglie di sbarramento).

La legge elettorale è tuttavia priva di copertura costituzionale, salvo il rispetto del principio democratico.

Ciò in quanto le leggi costituzionali devono essere approvate con un procedimento che necessita di una maggiore condivisione in Parlamento, sicché una legge elettorale di tipo costituzionale sarebbe più difficile da cambiare e meno soggetta a eventuali tentativi di modifica a uso della maggioranza di turno.

Le leggi elettorali devono, infatti, necessariamente includere un elevato livello di dettaglio e regolamentare aspetti che possono mutare nel tempo; sicché l’orientamento prevalente è quello di includere in Costituzione i princìpi generali (e rimandare a una legge ordinaria, la disciplina del procedimento elettorale).

Inoltre, la maggiore flessibilità di una legge elettorale di tipo ordinario consente di rimediare più agevolmente agli effetti negativi non previsti di un cambiamento del sistema elettorale, nonché di sottoporla al vaglio di legittimità costituzionale.

La necessità di cambiare il sistema elettorale è emersa nei primi anni ’90 durante la c.d. “Seconda Repubblica”, ma le varie riforme che si sono succedute nel tempo, non hanno raggiunto l’obiettivo di migliorare la stabilità delle maggioranze parlamentari e delle attività di Governo (generando spesso delle incongruenze evidenziate dagli interventi della Corte Costituzionale).

Il nodo cruciale delle discussioni politiche sul tema della legge elettorale invero, non riguarda la necessità di modificarla o cambiarla, ma “il come” modificarla o cambiarla.

Poiché nelle democrazie che adottano la forma di Governo parlamentare l’elezione dell’assemblea legislativa determina anche l’indirizzo politico e la composizione del Governo, eventuali modifiche alla legge elettorale presentano un elevato grado di criticità che, generalmente, si riflette in una forte conflittualità tra partiti politici sulle proposte di modifica.

In linea di massima, i sistemi elettorali maggioritari favoriscono le aggregazioni tra partiti politici e la formazione di coalizioni politiche oltre che elettorali, stimolando le forze politiche a organizzarsi in un sistema politico incentrato sul bipolarismo, mentre i sistemi elettorali proporzionali tendono a favorire la più ampia rappresentanza parlamentare a tutte le diverse idee o correnti politiche anch’esse minoritarie nel paese.

Nei sistemi elettorali maggioritari i seggi dell’organo collegiale rappresentativo vengono messi in palio in collegi (circoscrizioni territoriali) uninominali (un seggio per ogni collegio elettorale), quindi l’assegnazione dei seggi complessivi è proporzionale al numero di collegi vinti e non al numero di voti ottenuti dai partiti politici alle elezioni.

Nel sistema elettorale proporzionale, invece, l’assegnazione dei seggi disponibili è effettuata attraverso l’applicazione di formule matematiche in modo da rispettare la proporzionalità tra il numero di seggi complessivi e il numero di voti ottenuti dai partiti politici alle elezioni.

Nel tentativo di risolvere i contrasti tra le due diverse impostazioni, sono stati adottati dei “sistemi elettorali misti”, nei quali i seggi elettorali vengono attribuiti in parte col metodo maggioritario e in parte col metodo proporzionale.

I sistemi elettorali misti adottati in Italia per l’elezione del Parlamento sono stati: la legge Mattarella, detta anche Mattarellum (leggi 4 agosto 1993 n. 276 e n. 277) e la legge Calderoli, poi soprannominata Porcellum (legge n. 270 del 21 dicembre 2005), che nel gennaio 2014 la Corte Costituzionale ha parzialmente dichiarato illegittima.

Il Parlamento, a seguito di alcune censure della Corte Costituzionale, ha approvato una nuova legge elettorale, detta “Italicum” (legge 6 maggio 2015 n. 52), valida solamente per l’elezione della Camera dei Deputati in quanto la riforma costituzionale, poi bocciata dal referendum confermativo, avrebbe dovuto nel frattempo sancire la trasformazione del Senato in camera delle Autonomie Territoriali.

Anche tale legge, è stata ritenuta in parte illegittima dalla Corte Costituzionale.

Il travagliato percorso della “legge elettorale” – su cui è certamente opportuno ritornare con maggiori dettagli – è in definitiva la riprova delle difficoltà del nostro sistema e della necessità che vi sia un più deciso impegno delle forze politiche nella direzione di una più solida stabilità democratica.

Ultimi Articoli inseriti

Indagine ANAC sulla prevenzione della corruzione

25 Gennaio 2023|Commenti disabilitati su Indagine ANAC sulla prevenzione della corruzione

L’Autorità Nazionale Anticorruzione ha pubblicato una indagine sulle criticità rilevate dai Responsabili per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza (RPCT) nella applicazione della normativa anticorruzione. L’indagine aveva l’obiettivo di conoscere le difficoltà operative [...]

Titolo di studio estero: sì al soccorso istruttorio per integrare l’attestazione di equipollenza

23 Gennaio 2023|Commenti disabilitati su Titolo di studio estero: sì al soccorso istruttorio per integrare l’attestazione di equipollenza

Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, con la recente sentenza del 2 gennaio 2023 numero 4, ha riformato la sentenza emessa dal TAR Palermo il 13 settembre 2022 col numero 2563, la [...]

Modifiche in materia ambientale in sede di conversione del c.d. “Decreto aiuti quater”

18 Gennaio 2023|Commenti disabilitati su Modifiche in materia ambientale in sede di conversione del c.d. “Decreto aiuti quater”

Il Parlamento Italiano in data 12 gennaio 2023, ha approvato definitivamente il disegno di legge numero C730 per la conversione in legge del Decreto Legge 18 novembre 2022, n. 176, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale numero [...]

About the Author: Carmelo Anzalone

Condividi

La legge elettorale e i sistemi elettorali

Published On: 31 Agosto 2022

La legge elettorale è di fondamentale importanza, dettando le regole con cui i cittadini eleggono i rappresentanti nelle istituzioni.

Si stabiliscono infatti le modalità di svolgimento delle elezioni, i requisiti per la presentazione delle liste dei candidati, le opzioni di scelta disponibili agli elettori, la suddivisione in collegi elettorali dei territori, l’assegnazione dei seggi.

Incide quindi sull’effettiva applicazione dei princìpi democratici, in quanto è in grado di alterare la rappresentatività degli organi collegiali.

Può influenzare la governabilità, favorendo le aggregazioni tra partiti politici e di conseguenza la possibilità che si formi una maggioranza parlamentare coesa (in grado di garantire la stabilità del Governo).

Influisce altresì, sulla rappresentatività degli organi collegiali, soprattutto attraverso la scelta del meccanismo di assegnazione dei seggi – il cosiddetto sistema elettorale – e la definizione delle soglie minime di voti necessari per ottenere tale assegnazione (le cosiddette soglie di sbarramento).

La legge elettorale è tuttavia priva di copertura costituzionale, salvo il rispetto del principio democratico.

Ciò in quanto le leggi costituzionali devono essere approvate con un procedimento che necessita di una maggiore condivisione in Parlamento, sicché una legge elettorale di tipo costituzionale sarebbe più difficile da cambiare e meno soggetta a eventuali tentativi di modifica a uso della maggioranza di turno.

Le leggi elettorali devono, infatti, necessariamente includere un elevato livello di dettaglio e regolamentare aspetti che possono mutare nel tempo; sicché l’orientamento prevalente è quello di includere in Costituzione i princìpi generali (e rimandare a una legge ordinaria, la disciplina del procedimento elettorale).

Inoltre, la maggiore flessibilità di una legge elettorale di tipo ordinario consente di rimediare più agevolmente agli effetti negativi non previsti di un cambiamento del sistema elettorale, nonché di sottoporla al vaglio di legittimità costituzionale.

La necessità di cambiare il sistema elettorale è emersa nei primi anni ’90 durante la c.d. “Seconda Repubblica”, ma le varie riforme che si sono succedute nel tempo, non hanno raggiunto l’obiettivo di migliorare la stabilità delle maggioranze parlamentari e delle attività di Governo (generando spesso delle incongruenze evidenziate dagli interventi della Corte Costituzionale).

Il nodo cruciale delle discussioni politiche sul tema della legge elettorale invero, non riguarda la necessità di modificarla o cambiarla, ma “il come” modificarla o cambiarla.

Poiché nelle democrazie che adottano la forma di Governo parlamentare l’elezione dell’assemblea legislativa determina anche l’indirizzo politico e la composizione del Governo, eventuali modifiche alla legge elettorale presentano un elevato grado di criticità che, generalmente, si riflette in una forte conflittualità tra partiti politici sulle proposte di modifica.

In linea di massima, i sistemi elettorali maggioritari favoriscono le aggregazioni tra partiti politici e la formazione di coalizioni politiche oltre che elettorali, stimolando le forze politiche a organizzarsi in un sistema politico incentrato sul bipolarismo, mentre i sistemi elettorali proporzionali tendono a favorire la più ampia rappresentanza parlamentare a tutte le diverse idee o correnti politiche anch’esse minoritarie nel paese.

Nei sistemi elettorali maggioritari i seggi dell’organo collegiale rappresentativo vengono messi in palio in collegi (circoscrizioni territoriali) uninominali (un seggio per ogni collegio elettorale), quindi l’assegnazione dei seggi complessivi è proporzionale al numero di collegi vinti e non al numero di voti ottenuti dai partiti politici alle elezioni.

Nel sistema elettorale proporzionale, invece, l’assegnazione dei seggi disponibili è effettuata attraverso l’applicazione di formule matematiche in modo da rispettare la proporzionalità tra il numero di seggi complessivi e il numero di voti ottenuti dai partiti politici alle elezioni.

Nel tentativo di risolvere i contrasti tra le due diverse impostazioni, sono stati adottati dei “sistemi elettorali misti”, nei quali i seggi elettorali vengono attribuiti in parte col metodo maggioritario e in parte col metodo proporzionale.

I sistemi elettorali misti adottati in Italia per l’elezione del Parlamento sono stati: la legge Mattarella, detta anche Mattarellum (leggi 4 agosto 1993 n. 276 e n. 277) e la legge Calderoli, poi soprannominata Porcellum (legge n. 270 del 21 dicembre 2005), che nel gennaio 2014 la Corte Costituzionale ha parzialmente dichiarato illegittima.

Il Parlamento, a seguito di alcune censure della Corte Costituzionale, ha approvato una nuova legge elettorale, detta “Italicum” (legge 6 maggio 2015 n. 52), valida solamente per l’elezione della Camera dei Deputati in quanto la riforma costituzionale, poi bocciata dal referendum confermativo, avrebbe dovuto nel frattempo sancire la trasformazione del Senato in camera delle Autonomie Territoriali.

Anche tale legge, è stata ritenuta in parte illegittima dalla Corte Costituzionale.

Il travagliato percorso della “legge elettorale” – su cui è certamente opportuno ritornare con maggiori dettagli – è in definitiva la riprova delle difficoltà del nostro sistema e della necessità che vi sia un più deciso impegno delle forze politiche nella direzione di una più solida stabilità democratica.

About the Author: Carmelo Anzalone