Esclusione per breve discontinuità nel possesso dei requisiti di qualificazione

Il TAR Lazio, con la recentissima sentenza n. 9614 del 15 maggio 2024, ha reso un’interessante pronuncia in materia di appalti pubblici, su una singolare vicenda in cui si controverteva del mancato possesso continuativo dei requisiti di capacità tecnica e professionale in capo all’operatore economico, dichiarato aggiudicatario a seguito di [...]

Impossibilità di partecipare alla prova concorsuale per causa di forza maggiore

La Terza Sezione del Tar Sicilia di Catania, con la recentissima sentenza n. 1445 del 19 aprile 2024, ha reso un’interessante pronuncia in materia concorsuale, su una singolare fattispecie concreta inerente all’impossibilità per il candidato, determinata da eventi imprevisti ed eccezionali (causa di forza maggiore), di presenziare e dunque di [...]

Revoca dell’aggiudicazione ed esclusione in fase di comprova dei requisiti di capacità tecnico professionale

La V Sezione del Consiglio di Stato, con la decisione del 16.02.2023 n.1653 qui segnalata, ha affermato alcuni interessanti princìpi in tema di modalità della comprova dei requisiti di capacità tecnico-professionale, in sede di verifica avviata dal RUP sull’aggiudicatario ai sensi dell’art. 32, comma 7, del decreto legislativo 50/2016. La [...]

Perdita dei requisiti della consorziata non designata (di consorzio stabile)

Nel caso di consorzio stabile, la consorziata non designata ai fini dell’esecuzione dei lavori, da cui il Consorzio ritrae la propria qualificazione in applicazione del meccanismo del “cumulo alla rinfusa”, ex art. 47, co. 2, d.lgs. n. 50/2016, va considerata soggetto terzo rispetto all’organismo consortile ed equiparabile all’impresa ausiliaria nell’avvalimento, [...]

Annotazione nel Casellario Informatico di "notizie utili"

La Prima Sezione Interna del TAR Lazio di Roma, con decisione del 04.07.2019 n.8744, ha ritenuto illegittima per difetto istruttorio e di motivazione l'annotazione da parte dell'ANAC sul Casellario Informatico da essa gestito, di "notizie utili" afferenti l'annullamento di una aggiudicazione determinato da problematiche afferenti la dichiarazione di subappalto resa in sede [...]

Gravi illeciti professionali secondo la Corte di Giustizia

"L’articolo 57, paragrafo 4, lettere c) e g), della direttiva 2014/24/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 febbraio 2014, sugli appalti pubblici e che abroga la direttiva 2004/18/CE, deve essere interpretato nel senso che osta a una normativa nazionale - quale è quella contenuta all'art. 80 comma 5, [...]

Sospensione dell'autorizzazione allo scarico e principio di proporzionalità

Il TAR Sicilia Catania, con la sentenza 1053 del 06/05/2019 ha rimarcato l'importanza del principio di proporzionalità cui deve sempre essere ispirata l'azione amministrativa e quindi i provvedimenti disposti dall'amministrazione, con particolare riferimento ai provvedimenti sanzionatori in materia di autorizzazione allo scarico di acque urbane reflue, a mezzo impianti di depurazione. [...]

L'omessa separata indicazione dei costi della manodopera secondo la CGUE

Con la sentenza del 3 maggio 2019 nella causa, n. C- 309/18, la CGUE si è pronunciata sulla questione dell’esclusione da una procedura di appalto pubblico di un’azienda, per omessa separata indicazione dei costi della manodopera, sollevata in via pregiudiziale dal Tribunale Amministrativo del Lazio (con ordinanza numero 4562 del [...]

Rilevanza temporale triennale dei gravi illeciti professionali

La Quinta Sezione del Consiglio di Stato, con la decisione del 06/05/2019 n.2895 che qui si segnala, è tornato a pronunziarsi sulla questione, invero ancora assai dibattuta, della rilevanza temporale dei gravi illeciti professionali di cui all’art. 80, commi 5 e 10 del decreto legislativo 50/2016. La pronunzia, in particolare, [...]

Omessa dichiarazione di penali superiori alla soglia (1 %) individuata dalle Linee Guida ANAC n. 6

Il TAR Puglia - Lecce, con la decisione n. 519 del 28 marzo 2019, ha ritenuto legittima l'ammissione della concorrente che aveva omesso di dichiarare, in sede di ammissione, di aver subito penali in relazione ad una precedente commessa, per un importo complessivo corrispondente all’1,26% del valore lordo dell’appalto per il corrispondente [...]

Torna in cima